EPISODIO 22:
NON HO L'ETA'

Giulio e Lucia sono preoccupati per Eva, la ragazza infatti non ne vuole sapere di incontrare Alex. Ezio e Cesare cercano di dare conforto a Giulio, nonostante nessuno dei due abbia mai avuto di questi problemi, il primo perché ha cresciuto un maschio, il secondo perché ha una figlia che crede troppo piccola per i problemi di cuore. Lo stesso giorno, accompagnando
Matilde a scuola, la bambina presenta a Cesare Achille, il ragazzo di cui è innamorata. Cesare è disperato, Achille, sembra un damerino ed è molto più grande di Matilde e così organizza con Ezio una spedizione in incognito per spiare la figliastra al suo primo appuntamento. Matilde ed Achille sono coscienti di essere sorvegliati e quando credono di aver seminato i due e stanno per darsi il primo bacio il momento è rovinato da Cesare, che interviene e vieta al ragazzo di rivedere Matilde in futuro. La bambina è avvilita, il suo primo bacio è stato rubato dal poco tatto di Cesare e così per vendicarsi gli fa credere di voler diventare suora. Il suo è in realtà un piano per farsi dare il permesso di frequentare Achille. Cesare messo alle strette dalla decisione della ragazzina si trova costretto a trovarle un fidanzato escludendo a priori Achille che proprio non gli va a genio. Tutto questo provoca una nuova delusione in Matilde che decide di continuare a frequentare Achille nonostante le opposizioni del padre. Cesare non sa come comportarsi e ritiene che l’unico modo per tenere lontana Matilde da Achille è che questa si senta abbandonata direttamente dal ragazzo. Offre, così, ad Achille un biglietto per andare a vedere la prima di un film di Bruce Willis, attore preferito del ragazzino, proprio il giorno in cui sa che Matilde gli proporrà di andare al Luna Park. I rimorsi di Cesare però si manifestano in sogno nelle sembianze di Pamela, che gli fa intendere che non può impedire a Matilde di crescere. Per Cesare l’unica cosa giusta da fare diventa arrendersi e regalare un biglietto per il cinema anche a Matilde, che riconoscente lo chiama per la prima volta papà.
Anche Alice si trova alle prese con un ragazzo più grande, Stefano, che ha conosciuto in un movimentato pomeriggio in discoteca e che sembra apprezzarla per quello che è a differenza dei suoi noiosi e monotoni coetanei. La ragazza non si preoccupa che il ragazzo abbia il doppio dei suoi anni fino a quando non è lo stesso Stefano a metterla in modo brusco di fronte alla differenza di età. Alice delusa e disillusa non si aspetta minimamente di rivedere il ragazzo, che, colpito dalla dolcezza e dall’innocenza della ragazza, decide di scusarsi per i suoi modi bruschi.
Di scuse ne sa bene Alex, che non sa come riconquistare Eva, sebbene sia convinto che la ragazza lo ami ancora. L’ultima speranza è chiedere aiuto all’unico in grado di darglielo: Marco. Marco non è sicuro di volerlo fare, ma quando si rende conto che è la cosa giusta per Eva si arrende. Alex porta ad Eva un pacco in cui dentro sono racchiusi i ricordi degli ultimi mesi della vita di Eva, untiti a momenti della loro vita a New York. Con questo gesto riesce a fare breccia nel cuore di Eva, che con un bacio sigilla la speranza di una seconda possibilità. Bacio che anche Matilde riesce a dare ad Achille sotto casa e sotto gli occhi di Cesare che dall’alto della finestra si arrende al fatto che la figlia sta crescendo.


CookiesAccept

www.icesaroni.it utilizza i cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l'impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo