EPISODIO 12:
SIAMO UOMINI O GNOMI?

Gabriella confida a Lucia quanto le piacerebbe occuparsi ancora di una famiglia, cucinare, lavare, stirare... insomma, tutte quelle cose che un tempo la facevano sentire utile. Matilde, che l’ha ascoltata con attenzione, coglie l’occasione per chiederle di occuparsi di lei e di Cesare, convincendola che lui sarebbe il primo ad esserne contento. Per Cesare, invece, ritrovarsi Gabriella a casa non è di certo una bella sorpresa. Lui non la sopporta: Gabriella è troppo pignola e ordinata, per i suoi gusti e non la vuole. Per vendetta, allora, Matilde chiama in soccorso il notaio.
E Cesare, quando lo scopre, è costretto ad accettare il compromesso: Gabriella resterà con loro. Matilde all’inizio contenta, si accorge presto che questa soluzione non conviene neanche a lei. Gabriella, infatti, con le sue manie potrebbe renderle la vita impossibile, tra minestroni, macedonie di frutta fresca e addirittura l’iscrizione ad un corso di nuoto!
Matilde e Cesare si trovano così coalizzati per mandare via la donna senza cacciarla direttamente… Il loro piano è far credere a Gabriella che Cesare è profondamente attratto da lei. La situazione diventa imbarazzante, addirittura insostenibile per la donna che quasi scappa di casa! Matilde e Cesare ce l’hanno fatta. La sera Matilde sta per entrare nella stanza di Cesare, ma si ferma sulla porta. L’oste ha in mano la foto di Pamela e le sta raccontando quanto vuole bene alla piccola. Matilde ascolta commossa. Walter ha cominciato a lavorare nel recupero crediti.
E’ riuscito a risolvere un caso molto difficile, tanto che il suo capo lo ritiene adatto ad una pratica quasi impossibile. Quella dell’officina Masetti! Per Walter è un colpo. Oltre ad avere scoperto che il padre è pieno di debiti, spetterà a lui occuparsi del caso per riuscire ad ottenere una promozione. Walter, disperato, si confida con Giulio, il quale si offre di coprire i debiti di Ezio. Walter, però, rifiuta in più scopre che sua madre, convinta che la nuova officina stia portando grossi guadagni, ha cominciato a spendere come una matta.
Ezio, infatti, per farla contenta non le ha raccontato che ha praticamente smesso di pagare le rate del mutuo. Walter prova a parlare con suo padre, ma capisce che è tutto inutile: Ezio non ha nessuna voglia di lavorare e sta sottovalutando il problema “finanziaria”. Walter, per aiutarlo, decide di aggiustare tutte le auto ancora da riparare. Decide di fare il lavoro di notte mentre i suoi genitori ignari hanno pensato di passare anche loro la notte in officina, chiusi in una panda a fare l’amore, Walter imperterrito, tappi alle orecchie, continua a lavorare nascosto. La mattina dopo avvisa tutti i clienti con un sms e Ezio se li ritrova in fila ad aspettarlo con i soldi in mano. Walter tira un sospiro di sollievo, senza mettere in conto che Ezio con quei soldi non ha nessuna intenzione di pagare quello che deve. Il ragazzo così, si vede costretto a raccontare tutta la verità al padre, rimproverandolo come un bambino. Ezio capisce le sue responsabilità e chiede al figlio di lavorare con lui in officina, è troppo portato per quel lavoro! Walter accetta, almeno per il tempo necessario a risolvere i loro problemi, e riconosce al padre il merito di avergli insegnato il mestiere. Eva, che per un attimo ha sperato di poter contare su Marco, si sente di nuovo abbandonata. Prova a spiegargli le ragioni del suo silenzio, ma sembra tutto inutile: Marco ormai non la riconosce più ed Eva teme che possa tradire il suo segreto. Ma, proprio quando ha perso ogni speranza, Marco le dimostra ancora il suo affetto.


CookiesAccept

www.icesaroni.it utilizza i cookies per offrirti un'esperienza di navigazione migliore. Usando il nostro servizio accetti l'impiego di cookie in accordo con la nostra cookie policy. Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo